Logo sito
Descrizione

Maniero della seconda metà del XV secolo in cui, nel 1815, fu imprigionato e condannato a morte per fucilazione il Re di Napoli Gioacchino Murat.

L’edificazione del Castello Murat avvenne in due periodi storici diversi.

La prima parte di esso era costituita dalla sola torre più grande detta Torre Mastia o di avvistamento. La sua costruzione rientrava nel sistema difensivo attuato dagli angioini per la difesa dei centri abitati costieri dalle incursioni saracene e risale alla fine del 1300.

Proseguito cento anni dopo da Ferdinando I D’Aragona, esso rientrava in quel processo di fortificazione delle coste dell’Italia meridionale il cui scopo era quello di contenere le scorrerie saracene che infestavano i mari del Sud.

L’Aragona, infatti, rimasto solo contro i turchi, cercò di rendere sicuro il suo Regno, fortificando i luoghi costieri più esposti alle scorrerie saracene, e con l’ordinanza del 12 novembre 1480, decretò, per la Calabria, la fortificazione di Reggio e la costruzione di castelli a Crotone, Cariati, Corigliano, Belvedere, Pizzo ed altri luoghi. Per Pizzo fu disposto di aggiungere alla torre angioina già esistente, un massiccio corpo rettangolare, munito di una torre a tronco conico, alquanto più piccola della precedente, e di costruire poco più in basso, a strapiombo sulla Marina, una torretta di guardia. I lavori si protrassero dal 1481 al 1485.

Ultimata la sua costruzione, il nuovo Castello, fornito di archibugi e di artiglieria, ebbe un presidio di soldati, sotto il comando di un Ufficiale.

Esso non fu mai una residenza signorile, ma sempre fortezza militare e prigione

Feudatario era il Conte di Mileto Carlo Sanseverino a cui fu poi tolto per aver partecipato alla congiura dei baroni contro il re. Nel 1505 venne ceduto da Ferdinando il Cattolico ai De Mendoza e per Successione ai De Silva, duca dell’Infantado fino al 1806 anno dell’abolizione della feudalità. Passato al demanio, venne ceduto nel 1884 al Comune di Pizzo. Con Decreto del 3 giugno 1892 fu dichiarato “Monumento Nazionale”.

Il Castello e Re Gioacchino Murat
Undicesimo figlio di un albergatore, nacque il 25 marzo 1767 a Bastide-Fortunière (oggi Bastide-Murat), nel dipartimento del Lot. La famiglia, sognava per il suo ultimo figlio la carriera ecclesiastica che, sperava, ne avrebbe domato la natura sfrenata e selvaggia. Ma il giovane non sentiva alcuna vocazione per il sacerdozio. Non sopportava le regole del convento, al contrario gli piacevano le donne, il gioco e il bere. Ben presto, lasciò la tonaca e si arruolò in cavalleria, nel 6° Reggimento dei cacciatori delle Ardenne. Nel 1795 era a Parigi a sostenere Napoleone contro l’insurrezione lealista, lo seguì poi nella campagna d’Italia e in quella d’Egitto, dove fu nominato generale e fu determinante nella vittoria di Abukir contro i turchi. Nel gennaio del 1800 riuscì a vincere le resistenze di Napoleone, diventato primo console, e a sposarne la sorella più giovane, l’avvenente e capricciosa Carolina. Bonaparte era contrario al matrimonio. Alla fine fu costretto a cedere di fronte alla testardaggine dei due giovani, sempre più infatuati l’uno dell’altra. Il 20 gennaio 1800 finalmente l’aitante cavaliere e la sua piccola dama convolarono a nozze. Nel 1808, Napoleone, con l’editto di Bayonne lo proclamò Re di Napoli. A Napoli il nuovo Re, fu ben accolto dalla popolazione, che ne apprezzava la bella presenza, il carattere sanguigno, il coraggio fisico, il gusto dello spettacolo e alcuni tentativi di porre riparo alla sua miseria, ma venne invece detestato dal clero.

Località
Seguici su
Provincia
Chiuso
Orario di apertura oggi: 9:00 - 13:00, 15:00 - 19:00 Attiva/disattiva programma settimanale
  • Lunedì

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Martedì

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Mercoledì

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Giovedì

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Venerdì

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Sabato

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • Domenica

    9:00 - 13:0015:00 - 19:00

  • 19 Maggio 2024 1:19 ora locale

Categorie
Contatta

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi una recensione